Rimasti Chiusi Fuori Casa Firenze? Cosa Fare

Può capitare di rimanere chiusi fuori casa, perchè si è perso le chiavi, perchè sono state rubate o ancora, perchè la serratura si è bloccata e anche se abbiamo le chiavi, non riusciamo ad aprirla. Nessuno ama trovarsi in queste situazioni, ma purtroppo accadano più frequentemente di quello che si può pensare. Tutti i giorni e più volte al giorno, la nostra impresa è chiamata a intervenire per un servizio di apertura porta, e nella maggioranza dei casi in notte inoltrata.

chiuso fuori casa a firenze
chiuso fuori a firenze

Rimasti Chiusi Fuori Casa Firenze? Cosa Fare.

In primis, cercate di mantenere la calma, gli attacchi di ansia non aiutano la concentrazione, quindi, si commette diversi errori, tra i quali, prendere a spallate la porta, o cimentarsi nella grottesca e goffa impresa di forzare la serratura con una forcina o simili, certe cose accadono solo nei film, a voi, bene che vada, c'è una seria possibilità che vi sloghiate la clavicola, inoltre, rischiate di arrecare un danno alla struttura, cosi dopo il danno la beffa. Nel caso della perdita delle chiavi e avete diligentemente chiuso con le mandate prima di uscire, e come spesso accade non avete un mazzo di riserva da qualche parente o amico, cercate di ricordare se avete lasciato aperta la porta finestra del balcone o qualsiasi altra entrata, questa alternativa è concessa solo se abitate al primo piano, altrimenti evitate acrobazie pericolose, infatti, è di pochi giorni fa la notizia di un signore che era rimasto chiuso fuori di casa, e nel tentativo di entrare dalla finestra, precipita dal primo piano, da una altezza di circa 3 metri, provocandosi la frattura del bacino a gli arti superiori.

Quando una porta d'ingresso è chiusa con le mandate, quindi il più delle volte è blindata, la migliore cosa da fare, è chiamare un fabbro esperto, si risparmia tempo, fatica e denaro. Se invece la porta ha sbattuto all'improvviso con le chiavi all'interno, in questo caso, potete cimentarvi nel “fai da te”. Se avete un vicino gentile, potete chiedere se ha una vecchia lastra radiografica, perchè dopo l'utilizzo non potrà più essere usata come referto, e cercate di farla passare la lastra tra la porta e lo stipite e date un colpo secco vicino alla serratura facendo girare la chiave, in teoria dovrebbe far scattare il chiavistello e farvi entrare in casa soddisfatti dell'impresa, in pratica le cose cambiano, se non avete una discreta manualità e qualche nozione della materia, è molto probabile che continuate a restare chiusi fuori casa.

Talvolta la colpa non è riconducibile all'errore umano, le serrature possono incorrere a blocchi dovuti a una scarsa manutenzione o semplicemente l'usura e la ruggine hanno preso il sopravvento creando un conflitto degli ingranaggi. In questo caso, la soluzione e quella di provare ad utilizzare un prodotto lubrificante a base di graffite, intervenendo con delicatezza all'interno della serratura con l'apposita cannuccia e spruzzare generosamente tutto il cilindro. A questo punto si inserisce la chiave, e la si gira senza forzare in senso orario e antiorario più volte fino al completo sblocco della serratura. E' sempre vivamente consigliato di non forzare troppo durante l'operazione, e muovere delicatamente la chiave, infatti, usare troppa forza, potrebbe peggiorare la situazione, e generare ulteriori problemi negli ingranaggi. Nel caso che in cui questo sistema vada a vuoto, forse ci troviamo in presenza di una vera e propria rottura della serratura, sarà necessario la sostituzione della stessa, possibilmente eseguita dalle sapienti mani di un fabbro.

Sei rimasto fuori casa? Alcuni consigli.

Un altro inconveniente sgradevole è la chiave che si spezza all'interno del cilindro. Anche la chiave è un oggetto e per quanto sia ben fatta è soggetta ad usura e quindi a rottura. Di solito la chiave si rompe lasciandoci all'aperto, chiusi fuori, gli attrezzi in casa, alle 3 di notte, e con una seria possibilità che avvenga di sabato, l'implacabile “legge di Murphy” non risparmia mai! (se una cosa può andare male, andrà male). Diciamo subito che siete in un bel guaio, perchè non è semplice estrarre una chiave rotta. Se un pezzetto di chiave fuoriesce dal cilindro, siete fortunati, potete arpionarla con una pinzetta ed estrarla. Ovviamente le cose cambiano quando le dimensioni sono ridotte, rendono difficile l'operazione: provate con un pezzetto di filo di ferro, oppure con la punta di una lama di un seghetto per legno e cercate di sfilarla. In sostanza dipende da come si rompe la chiave e dalla nostra capacità di togliere il pezzo residuo dal cilindro. Normalmente è in queste occasioni che capiamo a cosa serve il famoso coltellino svizzero. Se l'impresa fallisce, non avete alternative che chiamare un fabbro esperto. Una porta può risultare bloccata anche nel malaugurato  caso di manomissione in seguito a un tentativo di effrazione. In questo caso è bene rivolgersi alle forze dell'ordine prima che al fabbro, in modo che si possa constatare l'entità del danno e verificare se è stato sottratto qualcosa senza mettere a rischio la propria incolumità.

Sono rimasto chiuso fuori? Cosa Fare.

Ci sono persone che contattano i Pompieri, ma non sempre si possono ottenere risposte affermative e tempestive, soprattutto se non è un caso di effettiva emergenza (pentola sul fuoco, bambino all'interno, persona disabile e altre simili), è sempre bene evitare a persone che devono preoccuparsi di questioni ben più serie e pericolose, di un banale intervento di apertura porta, anche perchè, questo scherzetto a un costo che varia dalle 150 alle 200 euro, quanto più o meno prende un fabbro esperto. Insomma, ogni serratura è fatta a modo suo, e per essere aperta è necessario che venga controllata da occhi e mani esperte per ripristinare il funzionamento in caso di blocco o rottura. Ultimo consiglio, tenete nella rubrica del telefonino il numero di un fabbro fidato ed esperto, come quello del nostro servizio di emergenza di Fabbro Firenze, sempre attivo 24 ore su 24 festivi compresi.